GuestReady opera in 6 località su 2 continenti

In soli 3 anni GuestReady è passato da 0 a 2500 affitti a breve termine. L'azienda è fortemente focalizzata sulla crescita organica, ma ha anche trovato che le operazioni di M&A (fusioni e acquisizioni) costituiscono un modo interessante per crescere. Avere una presenza sul territorio asiatico ed europeo è fondamentale per gestire le operazioni in modo efficiente e rassicura i proprietari della loro professionalità. Dopo vari cambiamenti nella loro strategia di distribuzione, GuestReady aveva bisogno di un partner solido per la gestione del canale come Rentals United. Potete guardare l'intervista completa su YouTube o ascoltarla su Apple Podcast, Spotify, Google Podcast (solo negli Stati Uniti). Altre stazioni: https://anchor.fm/secretsaucepodcast

№ proprietà connesse+2500
Sede centraleLondra, Regno Unito
Tecnologia utilizzataRentals United + Outswitch
SitoVisit Now

Sfide aziendali

Annunciare numerose proprietà in modo efficiente e accurato su tutti i siti di prenotazione

Mantenere tariffe competitive con aggiornamento in tempo reale su tutti i siti di annunci

Automatizzare le operazioni per concentrare le risorse a far crescere il business

È meglio concentrarsi su pochi canali, farli bene e capire esattamente come lavorare con loro. Noi lavoriamo con i canali globali e di nicchia.

Soluzioni

Channel Manager Rentals United

Channel Manager Rentals United

Altre Info
BookingSync Property Management Software

BookingSync Property Management Software

Altre Info

Risultato

GuestReady automatizza la distribuzione utilizzando Rentals United Channel Manager poiché ogni nuova proprietà nel loro crescente portafoglio deve essere inserita in modo efficace e veloce su tutti i siti. Ma soprattutto, il personale di GuestReady risparmia tempo prezioso da dedicare alle esigenze degli ospiti e dei proprietari.

2500
affitti brevi
3
anni di attivitÀ
2
continenti
3
acquisizioni

Testimonianza completa

Vanessa: Cosa facevi prima di GuestReady e cosa fai attualmente a GuestReady?

Alex: Prima di GuestReady lavoravo in un settore totalmente diverso, quello delle consegne di alimenti. Lavoravo per un'azienda chiamata "Food Panda" dove aiutavamo i ristoranti ad ottenere prenotazioni, ordinazioni di cibi, e inoltre consegnavamo anche il cibo. Un settore molto diverso, ma con un obbiettivo simile, cioè utilizzare la tecnologia per coordinare in modo fluido la maggior parte dei processi offline.
"Food Panda" mi ha ispirato molto per GuestReady, di cui sono co-fondatore e dove attualmente ricopro il ruolo di CEO. Abbiamo iniziato tre anni fa e l'obiettivo era quello di aiutare i proprietari a sbloccare il valore dei loro immobili. Gestiamo tutte le procedure necessarie per la gestione dei loro affitti a breve termine. Stiamo sviluppando la nostra tecnologia in modo da poterlo fare facilmente.

Vanessa: Quante proprietà gestite?

Alex: Attualmente gestiamo circa 2500 proprietà.


LEZIONI APPRESE DALLO SVILUPPO IN DUE CONTINENTI

Vanessa: Parlami della strategia di sviluppo dato che in tre anni 2500 proprietà, qual è la chiave per espandersi così velocemente?

Alex: Abbiamo fatto qualcosa di piuttosto insolito, operando in diverse città allo stesso tempo fin dall’inizio. Quando abbiamo lanciato l'attività, abbiamo iniziato con sei città, il che è stato piuttosto folle. Di solito si inizia da una città e poi da lì magari si aggiunge un'altra città e il tutto cresce in modo organico.

Abbiamo iniziato in sei città, il che significa che all'inizio avevamo solo una persona per città e io a Londra, dove ho dovuto gestire tutte le operazioni, acquisire le prime case, pulire quelle case, consegnare le chiavi e tutto il resto. Sono abbastanza felice che ci siamo evoluti da quei giorni, ma è stata anche una buona esperienza di apprendimento per conoscere il lavoro da cima a fondo.

Credo che questo abbia gettato le basi per la nostra espansione in diversi mercati, che ritengo sia una delle parti più difficile del nostro business. È molto globale in un certo senso. Se si pensa alla distribuzione o alle esigenze degli ospiti, alle loro aspettative, e tutto molto globale. Ma quando si pensa a cosa offrire ai proprietari di immobili, le circostanze locali risultano difficili.

Penso che partendo da parecchie città allo stesso tempo ci abbia dato una buona base per poter crescere in diverse città.


Dove si trovano queste diverse città, e quelle iniziali?

Alex: Le diverse città sono attualmente in Regno Unito, Francia, Portogallo, Dubai, Hong Kong e Kuala Lumpur. Le città iniziali erano Hong Kong, Kuala Lumpur, Londra, Parigi e abbiamo fatto anche un tentativo ad Amsterdam e a Singapore che alla fine non è durato. Non siamo riusciti ad ottenere la presa che volevamo e va benissimo così. Ci siamo solo concentrati su quelle città dove abbiamo riscontrato maggiore attrattiva.

Vanessa: Perché non ha funzionato ad Amsterdam e Singapore? Che cosa avete appreso da questa esperienza?

Alex: Alex: Fin dall'inizio abbiamo avuto un modo di procedere particolare, così abbiamo pensato di provarlo in alcuni luoghi. All’ inizio, tre anni fa, non conoscevamo molto bene l'intero settore e ogni mercato. Così ci siamo concentrati soprattutto sulle dimensioni del mercato, dove c’erano più proprietà ... su piattaforme come Airbnb per esempio. Così abbiamo pensato che se c’erano molte proprietà doveva pur esserci una domanda per i nostri servizi. Ma in alcuni posti come Amsterdam o Singapore non abbiamo avuto l'aderenza giusta, e non avendo tante risorse, abbiamo preferito concentrarci su quei mercati in cui l'aderenza è migliore.

Vanessa: Quindi è così che intendete svilupparvi in futuro? Cercherete di diventare il numero 1 in quelle città o vi espanderete in altre città?
Alex: Crescendo siamo ovviamente più analitici. Analizziamo meglio ogni singolo mercato prima di entrarvi. È quindi diverso dai primissimi giorni in cui avevamo appena lanciato l'attività. Ora sappiamo cosa è necessario fare. consideriamo una moltitudine di fattori per ogni mercato e prendiamo decisioni molto più razionali quando entriamo in un nuovo mercato. Penso che questo approccio funziona bene per noi. Abbiamo aperto in questo modo a Lisbona e a Porto. Abbiamo inoltre aperto Dubai e questi mercati stanno funzionando bene per noi.


REALIZZARE UN MARCHIO B2B SOLIDO E UN'ESPERIENZA CLIENTE COERENTE

Vanessa: Cos'è il marchio GuestReady? Cosa significa? Cosa rappresenta il marchio?

Alex: Abbiamo analizzato la questione internamente capendo che ciò che realmente rappresentiamo ha due aspetti. Il primo è legato alle prestazioni e il secondo alla fornitura di un servizio personalizzato.

Per quanto riguarda l'aspetto delle prestazioni, significa ottenere i migliori rendimenti per i proprietari, essere esperti di tecnologia, avere i migliori strumenti, prezzi dinamici, ottimizzazione, pagamenti automatizzati, applicazioni mobili per la gestione delle operazioni, questo genere di cose. Dall'altra parte, si tratta di fornire un servizio di ospitalità personalizzato sia ai proprietari che agli ospiti. Vogliamo utilizzare la tecnologia per offrire questo servizio su larga scala.

Sappiamo che ciascuno dei nostri proprietari ha una proprietà unica, circostanze uniche, e lo stesso vale per i nostri ospiti. Ognuno di loro non vede l'ora di trascorrere un soggiorno esclusivo e noi vogliamo essere in grado di offrirgli questa esperienza. Questi sono i due aspetti della nostra attività e stiamo cercando di combinarli nel nostro marchio.


Vanessa: Come si fa a mantenere il marchio coerente? È importante?

Alex: In realtà a GuestReady ci concentriamo soprattutto sul marchio in relazione del proprietario. Pensiamo sia importante avere delle ottime operazioni e di poterle dimostrare ai proprietari attraverso la nostra esperienze passata, con le recensioni. Abbiamo anche ottenuto una buona esposizione mediatica, sul Times o Tech Crunch e anche su alcuni giornali regionali.

Questo contribuisce a costruire la fiducia con i proprietari. Abbiamo anche vinto un premio per un appartamento di servizio. Siamo stati nominati una delle migliori start-up nel Regno Unito e in Svizzera. Questo tipo di cose aiutano molto l’immagine del nostro marchio. I proprietari si informano molto bene prima di portare un gestore immobiliare a collaborare con noi. Sono davvero coinvolti.



Quando si parla di branding rivolto agli ospiti, è più difficile da realizzare perché lavoriamo con proprietari che hanno gusti diversi. Pensiamo che in realtà vada bene così, perché anche i nostri ospiti hanno gusti unici. Penso che questo sia anche il senso di un'economia condivisa. Non si tratta soltanto di un hotel in mezzo ad altri hotel che sembrano tutti uguali.

Ognuna delle nostre proprietà è diversa. Quello che vogliamo essere sicuri, è che verso gli ospiti abbiamo un marchio coerente in termini di esperienza. Quindi, ci si può aspettare di avere qualcuno a disposizione 24 ore su 24, 7 giorni su 7, che si può contattare in caso di problemi. Si sa di avere Wi-Fi, un appartamento pulito e immacolato, asciugamani di lino di qualità alberghiera, ogni genere di cose che ci si aspetterebbe da una struttura professionale. Ciò non significa che ogni proprietà sia uguale all'altra.


I VANTAGGI DI AVERE UN PIEDE SUL POSTO

Vanessa: Siete attivi in mercati molto popolati. Come fate a garantire che i proprietari si iscrivano con voi piuttosto che con la concorrenza?

Alex: Penso che si tratti di dimostrare la nostra capacità operativa fin dal processo di vendita. Ci assicuriamo di avere sempre qualcuno a disposizione dei proprietari, di essere reattivi, di essere pronti a rispondere alle domande dei proprietari. Abbiamo anche personale sul territorio in ogni città.

Penso che questo sia qualcosa che non tutti nel nostro settore hanno, ma per noi è importante capire il mercato dal punto di vista commerciale, capire quali aree possono funzionare bene, quali aree probabilmente non funzionano, che tipo di interni sono richiesti e capire la legislazione locale, gli obblighi da città a città.


Vanessa: Dici di avere delle persone sul posto. Come funziona? È questa la sfida di crescere a livello internazionale, trovare le persone giuste sul posto?

Alex: Direi che le persone sono al centro della nostra attività e il nostro successo è determinato dal nostro team. Quindi, è molto importante avere delle persone valide e un buon team. E, naturalmente, per ogni azienda che vuole espandersi, trovare le persone giuste è una vera sfida. Finora siamo stati abbastanza fortunati perché la maggior parte delle volte abbiamo potuto contare sulla nostra rete per trovare persone adatte. Diversamente, facevamo anche un sacco di ricerca nei diversi mercati per individuare le persone ideali.

Una delle caratteristiche del settore è che non ha molta storia. Non sono molte le persone che conoscono questo settore. Dobbiamo individuare aziende simili che hanno un tipo di esperienza simile da cui possiamo assumere il personale. Per il momento ha funzionato abbastanza bene. Nel cercare giovani talenti abbiamo esaminato altre imprese, come ad esempio la consegna di prodotti alimentari, da dove vengo io, alcune start-up e il settore alberghiero in generale.

COSA RENDE POSSIBILE UNA BUONA ACQUISIZIONE DI GESTIONE IMMOBILIARE

Vanessa: Avete acquisito altre società?

Alex: Sì, e in effetti anche questo è un buon modo per espandersi. All'inizio abbiamo detto che volevamo sviluppare il miglior prodotto, la migliore tecnologia e crescere in modo organico, ma abbastanza presto abbiamo avuto l'opportunità di acquisire un concorrente chiamato Easy Rental Services. Il che ha funzionato piuttosto bene sia per noi che per loro. Da allora siamo stati più aperti a tali opportunità e l'anno scorso abbiamo effettuato altre due acquisizioni Oporto City Flats e BnBLord.


Vanessa: Quindi sono tre acquisizioni finora, quante altre l'anno prossimo?

Alex: In realtà le notizie girano e da quando abbiamo reso note queste acquisizioni, ci sono molte piccole e medie imprese di gestione immobiliare che ci stanno contattando per vedere se ci sarà l'opportunità per loro di entrare a far parte di GuestReady. Stiamo esaminando attentamente ogni proposta e penso che siamo abbastanza aperti a tali possibilità in futuro.

Vanessa: Cosa costituisce una buona acquisizione? Come valutate la loro qualità?

Alex: Credo che questo dipende dal fatto che si trovi in nuovi mercati o meno. Il team è molto importante perché è con questa squadra che entreremo in un nuovo mercato. Se si tratta di un mercato esistente, dipende più che altro dal portafoglio che gestiscono. In alcuni casi la tecnologia può essere interessante, ma noi abbiamo la nostra tecnologia interna. Quindi, di solito non è proprio una cosa che consideriamo, ma ci potrebbero essere dei buoni insegnamenti anche da quel punto di vista. Ci sono diversi aspetti che possono essere interessanti.


SVILUPPARE UNA TECNOLOGIA OPERATIVA E DIVENTARE UN FORNITORE DI SOFTWARE

Vanessa: Raccontami cosa avete sviluppato in termini di tecnologia e cosa appaltate? Quanti programmatori avete?

Alex: Abbiamo un team tecnico di circa 20 persone e quello che abbiamo appreso in precedenza sono due cose: che ci sono già molte buone soluzioni tecnologiche sul mercato e quindi non dobbiamo sviluppare tutto in casa. Ma abbiamo anche capito che se vogliamo adeguarci e crescere velocemente, è necessario avere la nostra tecnologia interna.

Fin dall'inizio abbiamo pensato che ciò che mancava sul mercato era una soluzione per tutto ciò che che avviene dopo la prenotazione. Quindi tutto ciò che è più operativo relativo alla gestione delle operazioni sotterranee, la gestione dei pagamenti per esempio e il rapporto con i proprietari. E questo è il nucleo di ciò che realizziamo all'interno dell'azienda. quasi tutto è sviluppato internamente, tranne la gestione del canale.


Vanessa: Perché la gestione del canale è molto difficile, vero? Meglio lasciar fare agli esperti?

Alex: Sì, penso che sia meglio. Inoltre, ci sono anche delle buone soluzioni sul mercato, quindi siamo felici di lavorare con loro e di poterci concentrare sugli altri task all'interno dell'azienda.


Vanessa: Avete intenzione di appaltare la vostra tecnologia ad altri gestori di immobili?

Alex: Alex: Sarete lieti di sapere che siamo già in vantaggio in questo caso. Abbiamo già alcuni gestori di immobili che utilizzano il nostro sistema. La cosa è cresciuta in modo organico: abbiamo informato gli altri gestori immobiliari sul mercato di ciò che abbiamo all'interno e si sono entusiasmati delle opportunità che questo potrebbe offrire loro.

Stavamo lavorando su come poter offrire questa tecnologia anche ad altri gestori di immobili e ora ne abbiamo diversi che stanno lavorando con il nostro sistemae sta andando molto bene per loro. Penso che ottengano gli stessi vantaggi che abbiamo ottenuto noi al momento della crescita: fondamentalmente hanno più tempo libero per pensare a come sviluppare il business, perché le operazioni sono più ottimizzate.


MODIFICA DELLA STRATEGIA DI DISTRIBUZIONE E LAVORARE CON I SITI DI NICCHIA
 

Vanessa: Come funziona la distribuzione per voi? Come scegliete i vostri canali?

Alex: Abbiamo apportato qualche cambiamento nel corso della nostra strategia. All'inizio abbiamo lavorato solo con Airbnb perché quando si avvia un'attività da zero è fondamentale mantenere la semplicità. Avevamo bisogno di imparare molto sulle operazioni, così abbiamo deciso di concentrarci su un solo canale. Direi che Airbnb è un canale che funziona abbastanza bene e che dispone di molta tecnologia per automatizzare e aiutare i proprietari di immobili ad affittare, per esempio gestendo i pagamenti.

La nostra visione per GuestReady è di aiutare i proprietari a sbloccare il valore degli immobili. Non possiamo farlo se siamo su un solo canale, quindi abbiamo deciso di essere su tutti i canali. Ci siamo inseriti su quanti più canali possibili e poi ci siamo resi conto che molti di questi canali non ci portavano molte prenotazioni, quindi non ne è valsa davvero la pena.

È meglio concentrarsi su pochi canali, gestirli bene e capire come lavorare con loro in modo da ottenere il massimo. Credo che sia meglio concentrarsi su una manciata di canali. Il più grande, oltre ad aggiungere alcuni canali di nicchia che hanno un buon potenziale di prenotazione, che sono più regionali o più focalizzati su una specifica nicchia di mercato.


Vanessa: Ti dispiacerebbe indicarci i siti di nicchia con cui stai lavorando?

Alex: Stiamo lavorando con Plum Guide e Homelike. Questi sono due buoni esempi di siti che raggiungono segmenti specifici. Plum Guide è di fascia un po' più alta e Homelike è un canale più incentrato su affitti medio termine. Ciò si adatta abbastanza bene alla nostra strategia.


CONSOLIDAMENTO, MODELLI IBRIDI E OPPORTUNITÀ DI LOCAZIONE IMMOBILIARE

Vanessa: Il mercato si consoliderà dal prossimo anno? Riuscirà mai a consolidarsi?

Alex: Ritengo che il consolidamento sia già iniziato nel 2019 e che continuerà nel 2020. Dicevo prima che abbiamo acquistato alcuni operatori sul mercato. Purtroppo alcuni hanno lasciato il settore, come ad esempio BnBSitter. Nel 2019 abbiamo visto anche alcuni player fondersi, come Altido per esempio.

Credo che questa tendenza continuerà. Continuo a credere che ci siano ancora molte opportunità per i piccoli gestori di immobili che stanno facendo un ottimo lavoro a livello locale. Vediamo anche che ci potrebbero essere alcuni modelli ibridi che non sono acquisizioni complete, ma dove i gestori di proprietà più piccoli si affidano alla tecnologia dei gestori di proprietà più grandi come GuestReady.

I gestori di proprietà locali che conoscono i loro mercati da molti decenni, ma che probabilmente non sono tra i più esperti di tecnologia o dispongono della migliore configurazione operativa, possono in realtà avvalersi anche di soluzioni tecnologiche come quelle di GuestReady, ad esempio.

Vanessa: Sono le locazioni immobiliari plurifamiliari / appartamenti serviti, una minaccia per voi, visto che operate solo in destinazioni urbane?

Alex: Non credo che siano una minaccia. Ritengo che sia un'opportunità, una cosa che stiamo valutando. Penso che in alcuni mercati funzioni abbastanza bene, ma ritengo che sia un'attività molto più rischiosa. Ogni opportunità deve essere valutata molto attentamente e se si va troppo oltre con il contratto generale di locazione e con quello che si paga ai proprietari, si potrebbero pagare le conseguenze in seguito. Dunque penso che sia una cosa su cui bisogna riflettere con attenzione. Credo che questo modello funzioni caso per caso e in alcuni mercati funziona meglio che in altri.


Vanessa: Grazie mille per aver condiviso the Secret Sauce di GuestReady.

Alex: Grazie infinite per avermi invitato Vanessa. È fantastico vedere tutte le vostre iniziative per riunire il settore attraverso cose come questo podcast o il vostro VR tech, è semplicemente incredibile. Grazie mille.

FAQ

No, non lo sono. Alcuni siti aggiungono la loro commissione su i prezzi ricevuti. Questi canali vogliono le tue tariffe nette. Altri canali caricheranno la loro commissione dai prezzi ricevuti. Per i successivi, hai la possibilità di aggiungere un markup fino a coprire la loro commissione. Vi informiamo in dettaglio su come funziona ogni sito dopo la registrazione.